Insonnia: prevenire è meglio che curare!

0

Diamo il benvenuto ai lettori del Blog Dorelan ad un nuovo appuntamento con gli approfondimenti della nostra Esperta del Sonno, la Dottoressa Sara Marelli del Centro di Medicina del Sonno dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Con questo post concludiamo la nostra trilogia dedicata all’insonnia: se nel primo capitolo abbiamo definito cosa sia e chi colpisca e nel secondo abbiamo analizzato le cause che ne favoriscono l’insorgere e le conseguenze sul benessere psico-fisico di chi ne è afflitto, è arrivato ora il momento di analizzare quali siano i rimedi più efficaci per prevenire e combattere l’insonnia, e scopriremo insieme quanto uno stile di vita sano e regolare, unito ad un buon sistema letto, possano incidere positivamente sulla nostra qualità della vita.

Se ciò non bastasse, la nostra esperta ci regalerà tutta una serie di piccoli rimedi assolutamente naturali che possono essere un potente alleato per sconfiggere i disturbi del sonno.

Buona lettura!

Prevenire l’insonnia

Se è assodato che il sonno e la veglia si influenzano a vicenda, e se abbiamo visto nei post precedenti come un cattivo riposo abbia pesanti ripercussioni sul benessere quotidiano, è ormai chiaro che anche i nostri comportamenti durante la veglia ed una corretta igiene del sonno hanno dirette conseguenze sulla qualità del nostro riposo… Vediamo in che modo!

- Lo stile di vita

L’insonnia è la fedele amante notturna dello stress diurno: abbassare i livelli di stress della nostra vita quotidiana è la regola numero uno della prevenzione contro l’insonnia!

Ci sono molte cose che possiamo fare al riguardo, tutte semplici e naturali, quali ad esempio una costante attività fisica.

Fare sport fa bene sia al fisico che alla mente, aiuta la concentrazione e favorisce il buon umore. Quindi sarebbe opportuno che con regolarità, secondo la propria condizione, ognuno svolgesse attività fisica, ma con un’avvertenza: fare sport produce adrenalina, un potente ormone eccitante, e per questo gli esperti sconsigliano le attività sportive nelle ore che precedono il sonno.

Esistono poi tutta una serie di discipline che attraverso tecniche di rilassamento aiutano a combattere efficacemente lo stress: ci riferiamo essenzialmente allo Yoga, ormai diffusissimo nel mondo occidentale soprattutto nella declinazione dell’Hatha Yoga, e alla Meditazione, altra disciplina di origine orientale che consente di raggiungere uno stato di rilassamento totale. Recenti studi hanno infatti dimostrato che la meditazione produce cambiamenti del sistema nervoso riducendo in particolare la produzione di cortisolo,conosciuto anche come “l’ormone dello stress”.

Ricordiamo infine come il fumare abbia delle pessime ripercussioni sul nostro sonno, tanto quanto l’assunzione di alcolici.

- L’alimentazione

Capitolo fondamentale per la prevenzione dell’insonnia è quello alimentare: un’alimentazione scorretta incide infatti molto negativamente sul sonno, ed è quindi importante seguire alcune semplici e chiare linee guida.

La prima cosa da evitare è di consumare abbondanti pasti serali, ricchi di grassi. Vi sono infatti alimenti e bevande che agiscono sull’organismo disturbando il ritmo sonno-veglia. In prima linea si trovano caffè, tè e alcool: il loro – apparente – effetto rilassante è infatti solo momentaneo, mentre si tratta di veri e propri nemici del nostro sonno.
Sono vivamente sconsigliati anche gli alimenti che contengono tiramina  – cioccolato, carne di maiale, insaccati, formaggi stagionati – sostanza che favorisce il rilascio nel cervello di norepinefrina, un ormone che stimola il sistema nervoso rendendo molto più complicato l’addormentarsi.

I cibi che aiutano il sonno (ad es. pasta, riso, pane, e molti altri) – sono invece tutti quelli che contengono triptofano, un amminoacido che induce la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore cerebrale che favorisce il rilassamento.

- L’igiene del sonno

Altro aspetto fondamentale per un buon riposo sono i comportamenti che adottiamo durante la fase di sonno, ovvero quella che comunemente viene appunto chiamata igiene del sonno.

Prima di tutto è opportuno verificare che la stanza in cui si dorme sia fresca e areata, e altrettanto importante è che non ci siano fonti luminose o di rumore: quindi bando a cellulari, tablet e computer a portata di comodino, e a tutto ciò che può disturbare il nostro riposo creando luci o rumori.

- Un buon sistema letto

Fondamentale per garantire un buon riposo è infine la scelta di un sistema letto di qualità e soprattutto adeguato alle proprie esigenze.

Non basta infatti scegliere un ‘buon materasso’, come una ‘buona rete’ o un ‘buon guanciale’. Per ottenere il giusto comfort è necessario scegliere il ‘giusto’ materasso, la ‘giusta’ rete e il ‘giusto’ guanciale. Tutti noi abbiamo abitudini, posizioni e corporature differenti, ed il nostro sistema letto deve adeguarsi perfettamente a questa nostra unicità! Per questo Dorelan offre una gamma amplissima di prodotti sempre più mirati, e presso i nostri Rivenditori Ufficiali sono a disposizione dei Clienti dei veri e propri “Consulenti del Riposo”, che sapranno aiutarvi a trovare le soluzioni che meglio accolgono le vostre esigenze.

Piccoli rimedi naturali all’insonnia

Nel caso tutto questo non fosse sufficiente, e si prensentasse comunque qualche piccolo episodio di insonnia situazionale, ecco alcuni rimedi che possono venirci in aiuto, per favorire il ritorno del sonno prima che la situazione si cronicizzi…

Spesso per dormire ci si affida a calmanti, sedativi, antidepressivi e altri farmaci specifici che non di rado hanno delle controindicazioni e vanno sempre assunti sotto stretta osservanza medica. Ma non esiste solo la medicina tradizionale (“allopatica”): esistono ad esempio tutta una serie di prodotti omeopatici studiati appositamente contro l’insonnia.

Anche la medicina cinese, attraverso l’agopuntura, risulta essere assai efficace nel combattere l’insonnia.

Un altro aiuto ci può venire direttamente dalla Natura: sono infatti parecchie le erbe che hanno delle proprietà tali da renderle efficaci contro l’insonnia. Tra le più comuni ricordiamo la passiflora, il biancospino, l’escolzia, la camomilla e il tiglio.

Molte si possono assumere mediante semplici infusi o tisane, e spesso risultano essere un rimedio veloce, efficace e anche molto gradevole.

Ovviamente tutti questi rimedi valgono solo per le forme leggere e transitorie dell’insonnia: a chi ne fosse colpito in maniera cronica, per evitare gravi conseguenze per la propria salute, consigliamo di affidarsi alle cure di medici esperti, rivolgendosi ad uno dei numerosi Centri di Medicina del Sonno presenti sul territorio italiano!

Dottoressa Sara Marelli
Esperto del Sonno Dorelan

Twin Luxury: l’eccellenza di casa Dorelan

0

Sogni l’eccellenza del comfort per un riposo di altissima qualità?
Lasciati tentare dall’alta gamma della Linea Twin System by Dorelan e affida il tuo riposo al preziosissimo TWIN LUXURY!

Distendersi su Twin Luxury significa tuffarsi in una tripla esperienza di benessere: la prima sensazione è quella di sofficissima accoglienza dell’esclusiva fodera Dimension, seguita dal comfort ineguagliabile offerto dalle preziose imbottiture, che esaltano infine la sensazione di perfetta ergonomia e alta definizione di sostegno offerti dal sofisticato molleggio Twin, nel cuore del materasso.

blog_Twinluxury-caratteristiche

IL “CUORE”

La struttura interna di Twin Luxury è costituita da 2000 Molle Twin System (nella versione matrimoniale). Ogni molla dell’esclusiva tecnologia Twin System è costituita da un solo filo d’acciaio che crea due spirali concentriche, una interna all’altra e di altezze diverse.
Proprio grazie a questa loro conformazione, le 2000 molle Twin System offrono un validissimo sostegno ed un comfort perfettamente calibrato e differenziato ad ogni zona del corpo e ad ogni piazza del materasso.
L’alternanza di 7 Zone Differenziate (grazie ad un maggiore o minore numero di molle), fornisce al corpo un supporto più deciso oppure più accogliente laddove è necessario, garantendo un’ergonomia davvero perfetta!

L’intero molleggio interno, infine, è racchiuso nell’esclusivo Box System: un morbido strato in Myform Extension, materiale nobile che porta all’eccellenza l’accoglienza, la morbidezza e l’elasticità di questo straordinario materasso.

IL “RIVESTIMENTO”

Fiore all’occhiello della nuova collezione Dorelan, Twin Luxury vanta un rivestimento nobile e pregiato, impreziosito su entrambi i lati da una generosa imbottitura, che regala al materasso un comfort ineguagliabile.
Il rivestimento di Twin Luxury presenta un lato invernale con un’imbottitura in Myform Memory che regala un’accoglienza sempre morbidissima e avvolgente, ed un lato estivo soffice, fresco e sempre elastico.
La fascia perimetrale della fodera è in tessuto tridimensionale Respiro, per una costante ventilazione del materasso in ogni stagione, e l’intero rivestimento è sfoderabile e lavabile, per una agevole manutenzione e per garantire sempre una perfetta igiene del materasso.

Regalati un’esperienza di comfort da mille e una notte, vieni a provare il nuovo Twin Luxury presso il Rivenditore Dorelan più vicino a casa tua!

L’insonnia e il nostro benessere psico-fisico

0

Secondo appuntamento con gli approfondimenti sul tema dell’insonnia a cura della nostra Esperta del Sonno, la Dottoressa Sara Marelli del Centro di Medicina del Sonno dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

In questo nuovo post proseguiremo il viaggio alla scoperta dell’insonnia insieme alla nostra preziosa guida, indagando quali siano le cause che ne favoriscono l’insorgere e soprattutto approfondendo le conseguenze sul benessere psico-fisico delle persone che ne sono colpite.

Le cause dell’insonnia

Possiamo distinguere due tipi differenti di fattori che sono all’origine dell’insonnia, che vengono comunemente definiti “Cause situazionali” e Cause non situazionali”. Vediamole nel dettaglio.

La Cause situazionali sono essenzialmente legate a fattori specifici e generalmente momentanei, quali ad esempio eccezionali situazioni di stress (un esame, un appuntamento importante, un evento particolarmente eccitante), oppure fattori ambientali (eccessivi rumori o intensa luminosità, il dormire in un ambiente estraneo, oppure su un letto differente da quello su cui siamo soliti riposare), o ancora l’assunzione di particolari farmaci o un particolare momento di malessere o malanno fisico.

Le Cause non situazionali sono quelle, invece, che possiamo ricondurre a fattori persistenti, come ad esempio tutti i fattori legati ad una cattiva igiene del sonno: l’abuso di alcol e caffeina, il riposare su un sistema letto non adeguato, l’inosservanza del silenzio e dell’assenza di luce durante il sonno. Rientrano in questa categoria anche le insonnie da alterazione del ritmo circadiano, caratterizzate da un anticipo o un ritardo della fase di sonno, e ancora le insonnie direttamente legate a determinati stati patologici, che possono essere sia psichiatrici che neurologici.

L’incidenza dell’insonnia sul benessere psico-fisico

Chiunque abbia sperimentato anche una sola notte d’insonnia nel corso della propria vita conosce bene la sensazione di disagio che accompagna lo stato di veglia seguente: irritabilità, dolori diffusi, difficoltà di concentrazione sono solo alcune delle più comuni conseguenze di un riposo di cattiva qualità.

Generalmente questi disagi scompaiono non appena si ristabilisce il giusto ritmo sonno-veglia, ma nelle forme più acute e persistenti di insonnia il quadro clinico di chi ne è colpito può subire gravi complicazioni, incorrendo in vere e proprie patologie. Vediamo insieme alcune:

> Diabete
E’ opinione ormai diffusa tra gli studiosi che i disturbi del sonno alterano il metabolismo provocando nell’organismo una minore tolleranza al glucosio e una maggiore resistenza all’insulina, facilitando quindi l’insorgere del diabete.

> Ipertensione
Una cattiva qualità e una scarsa quantità di sonno provocano una maggiore secrezione di Cortisolo, l’ormone responsabile dell’aumento della pressione arteriosa e dei disturbi cardiovascolari.

> Obesità
Il cattivo sonno ha anche una diretta influenza sui livelli di Leptina e Grelina, gli ormoni che regolano la fame. Ne consegue che chi soffre di insonnia sente maggiormente lo stimolo dell’appetito, mangiando in maniera eccessiva e aumentando il rischio di obesità.

> Depressione
Il rapporto tra insonnia e depressione è molto stretto, e spesso si dipana in un circolo vizioso: è facile intuire come uno stato di insonnia persistente possa favorire l’insorgere di stati depressivi, ma è altrettanto vero che la depressione favorisce l’insorgere dell’insonnia, creando quindi una spirale che può condurre a stati di forte disagio psico-fisico.

Un cattivo riposo causato da insonnia ha spesso, inoltre, notevoli ripercussioni anche sulla nostra attività cerebrale, poiché influisce direttamente sui meccanismi che regolano le attività del nostro cervello e della nostra psiche…

> La memoria
Nella fase di sonno profondo la nostra mente rielabora gli accadimenti del giorno organizzandoli in ricordi: proprio per questo un riposo qualitativamente e quantitativamente scarso ne disturba l’attività, riducendo notevolmente le nostre capacità di memorizzazione.

> Le capacità intellettive
Il cervello sfrutta le fasi del sonno per rigenerare i propri neuroni. Gli stati di insonnia rallentano o addirittura bloccano questo processo, e la diretta conseguenza è che il cervello durante la veglia offre risposte lente e una scarsa soglia di attenzione e concentrazione.

> L’umore
Un’altra attività essenziale svolta dalla mente durante il sonno è quella di rigenerare i nostri circuiti emotivi. La mancanza o la scarsa qualità sono proprio per questo causa di cattivo umore ed irritabilità, con stati di malessere che, nei casi più gravi, possono addirittura sfociare in veri e propri attacchi di rabbia.

Il rapporto tra il nostro benessere e il nostro riposo è insomma davvero strettissimo, tanto che un disturbo come l’insonnia può portare gravi conseguenze sia sul piano psichico che a livello prettamente fisico. Nei casi più gravi l’insonnia e le sue dirette conseguenze sono vere e proprie patologie, che possono essere diagnosticate, seguite e curate in collaborazione con gli specialisti che collaborano con i principali Centri di Medicina del Sonno.

È davvero importante, quindi, saper individuare i primi segnali e i primi sintomi di un sonno disturbato nella sua qualità o durata, per affrontare subito la situazione con accorgimenti nel nostro stile di vita!

Proprio a questo tema sarà dedicato il terzo approfondimento di questa serie, con un post interamente dedicato ad alcuni semplici metodi, utili per prevenire ed eventualmente curare in modo semplice e naturale i primi sintomi dell’insonnia.

Dottoressa Sara Marelli
Esperto del Sonno Dorelan